imghome02

Scientific and human experiences in Africa_Incontro con Serap Aksoy, Yale University

logo collegio nuovo
13 / 11 / 2018

Protagonisti della cultura e delle professioni

Martedì 13 novembre 2018, alle ore 21.00

SCIENTIFIC AND HUMAN EXPERIENCES IN AFRICA

Incontro con SERAP AKSOY 

Professor of Epidemiology, School of Public Health, Yale University

Condotto da ANNA MALACRIDA

Università di Pavia

«The development of local research capacity is particularly vital for the control of neglected tropical diseases in disease-endemic countries as elimination efforts begin.» (Serap Aksoy, Yale News, February 2018, by Adam Gaber; nella foto; Serap Askoy con Grace Murilla, senior scientist di KALRO - Biotechnology Research Institute Kenya. accanto a una trappola per le mosche tsetse.)

Settanta milioni di persone nell’Africa sub-sahariana sono a rischio per il morso della mosca tsetse che procura la tripanosomiasi, più comunemente conosciuta come malattia del sonno; la variante che colpisce il bestiame (“nagana”) è un flagello che comporta un ulteriore significativo impatto sanitario ed economico. È in questo campo che opera la ricerca dell’epidemiologa Serap Aksoy, turca di origine e statunitense di formazione (tra Vassar College e Columbia University), docente a Yale, dove dirige un laboratorio impegnato nella strategia di controllo della trasmissione di questa malattia parassitaria. La professoressa Aksoy, più volte Visiting Professor dell’Università di Pavia, torna al Collegio Nuovo dove e ha tenuto un incontro pubblico sul tema donne e scienza presentato in collaborazione con Soroptimist – Sezione di Pavia (2012). Questa volta, martedì 13 novembre (ore 21), oggetto del suo intervento saranno le esperienze scientifiche e umane vissute in questi anni di ricerca, soprattutto in Kenya e Uganda, dove la Prof. Aksoy, grazie anche al Fogarty International Center, ha contribuito a formare nuove generazioni di ricercatori africani, curando pure lo sviluppo delle loro opportunità di pubblicazione scientifica. Al suo team, nell’ambito di un gruppo di ricerca internazionale che comprende anche l’Università di Pavia (in particolare il gruppo di cui fanno parte, tra gli altri, Anna Malacrida, Giuliano Gasperi e l’Alumna Francesca Scolari), si deve il sequenziamento e l'annotazione del genoma della mosca tsetse, vettore del patogeno responsabile della malattia: lo studio è comparso su “Science”, nel 2014, aprendo significative possibilità per gli sviluppi successivi della ricerca e per la prevenzione della malattia.

Per info:

Saskia Avalle, Coordinatrice Attività Culturali e Accademiche - Relazioni esterne, Collegio Nuovo – Fondazione Sandra e Enea Mattei 

relest.collegionuovo@unipv.it

News
News

Eventi e notizie dai Collegi Universitari e dall'associazione.

Progetto educativo
progetto educativo